I LUOGHI E MONUMENTI STORICI

(Foto di Antonello Canazza)
Aloisianum

Aloisianum - Via S. Luigi Gonzaga, 8

L'Aloisianum è un importante Istituto di studi Filosofici gestito dai Gesuiti. Il nome della struttura deriva dal francese Aloisius (Luigi in latino) ed è dedicata a San Luigi Gonzaga.
L'Aloisianum è uno degli istituti che rivestono una grande importanza all'interno della religione cattolica cristiana: vi ha studiato, tra gli altri, anche il cardinale Carlo Maria Martini.
L'Istituto Aloisianum è sorto nel 1839, per ospitare un seminario degli aspiranti gesuiti. A permettere l'edificazione della struttura fu la contessa Rosa Piantanida Bassetti Ottolini, che elargì una generosa donazione per far sorgere il monumento proprio in periferia a Gallarate.
L'Aloisianum sorge su una costa morenica, nel rione Ronchi. Il terreno era un tempo proprietà dei Bassetti. Il nucleo centrale dell'Aloisianum è costituito dal complesso universitario, fronteggiato da cedri del Libano. Il complesso universitario è affiancato da biblioteca, sala convegni e refettorio. L'ultimo piano del complesso è attrezzato per ospitare gesuiti anziani lungodegenti o con necessità di cure. A occidente del complesso è posto un orto e frutteto, con una pergola di glicine.
L'Associazione Culturale Musica al Sacro Cuore è una delle più recenti proposte formative dell' Istituto Filosofico Aloisianum di Gallarate. Si avvale dell'impegno e della collaborazione di un gruppo di musicisti professionisti, motivati alla promozione e alla divulgazione della cultura musicale, con particolare attenzione alla valorizzazione della musica in chiesa.

(Foto di Antonello Canazza)
Palazzo Broletto Palazzo Broletto

Palazzo Broletto – Via Cavour 2

Il Palazzo del Broletto di Gallarate è stato edificato su un'area un tempo utilizzata per il convento di San Michele, gestito dagli Umiliati e poi utilizzato anche da altri ordini religiosi. Dopo la soppressione degli ordini religiosi, sotto al regime napoleonico, il convento perse la sua destinazione d'uso religioso per essere utilizzato per ospitare uffici pubblici. In seguito al crollo della torre (l'ex campanile della chiesa)il convento venne restaurato su direzione dell'architetto Leone Savoia.
Dell'antico convento si conservano ad oggi il cortile con il relativo porticato, coperto da interessanti volte a crociera. Le colonne sulle quali poggiano le volte sono in granito. Fino al 1929 il Palazzo del Broletto ospitò il municipio.
Dopo il trasferimento di gran parte degli uffici nel Palazzo Borghi, Palazzo del Broletto è stato interessato da numerosi ampliamenti, fino ad ospitare anche altri uffici. Il Palazzo del Broletto è riconosciuto dalla cittadinanza di Gallarate soprattutto per il valore civile che ha assunto nel tempo.

(Foto di Antonello Canazza)
Sede degli Studi Patri Sede degli Studi Patri Sede degli Studi Patri Sede degli Studi Patri Sede degli Studi Patri

Sede degli Studi Patri - Via Borgo Antico, 4

Il Convento di San Francesco è la struttura che meglio di altre rappresenta l'antico borgo noto per ospitare una importante comunità francescana.
Il monumento era presente in loco già a partire dal 1245, e comprendeva il "Chiostrino" (nome con il quale il convento è noto a Gallarate) e la chiesa.
In seguito a vicissitudini storiche il Chiostrino passò nelle mani della Società degli Studi Patri, la quale si occupò della gestione e conservazione della struttura. Purtroppo nel 1930 si dovette procedere alla demolizione della chiesa, che versava in uno stato di conservazione abbastanza precario. Nella parte che è giunta a noi del complesso oggi ha sede il Museo di storia e di Arte, attivo fin dal 1961. Nelle varie sale è possibile ammirare materiale relativo all'epoca preistorica, a quella gallica, etrusca, romanica e longobarda. Nella pinacoteca al primo piano è possibile ammirare opere di Giacomo Raibolini, Jacopo Zucchi, del Cerano, do Tanzio da Varallo, Daniele Crespi, Carlo Cane, Renzo Colombo e tanti altri.